“Torta di mandorle” o “caprese”

Adesso che il Natale è passato restano un po’ di avanzi di frutta secca da riciclare, io ho cominciato dalle mandorle.

Quella che il resto del mondo chiama “torta caprese” a Capri viene chiamata “torta di mandorle”.

E’ un dolce dalla consistenza cremosa e dal gusto ammaliante che potete gustare da solo o accompagnato da panna fresca.

torta di mandorle

Ingredienti (per 10 generose porzioni)

250 gr. cioccolato fondente (io sostituisco 50 gr. di fondente con altrettanto cioccolato al latte)

250 gr. zucchero

250 gr. burro

250 gr. mandorle tritate finemente

8 uova

1 bustina di vanillina

zucchero a velo

Ungete una tortiera di 25 cm. di diametro e foderatela con carta forno.

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria con lo zucchero, la vanillina  e una tazzina d’acqua.

Fuori dal fuoco unite il burro e quando sarà sciolto montate il composto con le fruste.

Continuate a mescolare ed unite il tuorli uno per volta e montate ancora unendo anche le mandorle.

Montate a neve ferma gli albumi e incorporateli al composto delicatamente, dal basso verso l’alto, per non smontarli.

Cuocete in forno statico preriscaldato a 200° per 45′.

torta di mandorle
Lasciate raffreddare il dolce e, poco prima di servire, spolverizzate con zucchero a velo.

N.B. la vera “caprese”  non prevede farina e lievito.

Annunci

Informazioni su cannellaegarofano

Fin da bambina la cucina mi è sempre apparsa come un luogo magico, ingredienti che si mescolano e danno vita a profumi e colori che affascinano e scatenano l'immaginazione fino al momento dell'assaggio. Oggi la cucina rappresenta per me un piccolo mondo dove dare sfogo alla mia passione e sfuggire alla routine quotidiana del lavoro. Mi piacerebbe accogliere nel mio piccolo regno tanti amici con cui condividere ricette convenzionali e non. Vi aspetto con ansia!

»

  1. Mi piace questa torta soprattutto perché non ha lievito!

    Rispondi
  2. Posso usare la farina di mandorle (siiii sono pigra). E 8 uova, è proprio necessario? Come disse qualcuno anni fa, il fegato ci serve ancora…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: